Ultimo aggiornamento06:37:54 AM GMT

Sei qui: Cronaca

"Abbracciamo l’Italia" La straordinaria storia di Loretta Pavan raccontata da Gianni Nizzero

E-mail Stampa PDF

copertina ABBRACCIAMO LITALIA7.000 km di speranza, solidarietà, fatica e bellezza nell'estate della epidemia. Prefazione di Davide Cassani

Uscirà, non a caso, l'8 marzo, il libro che celebra la forza di una donna incredibile e che racconta il suo viaggio in sella attraverso tutta l'Italia, in totale autonomia per sostenere i malati oncologici e per dare un abbraccio simbolico a tutti gli italiani. La straordinaria storia di Loretta Pavan tra passione, ostacoli e coraggio raccontata nel libro di Gianni Nizzero.

La protagonista.
La storia di Loretta la conoscono in molti: sessantenne ex imprenditrice di successo, nel 2006 le viene diagnosticato un tumore al seno, la stessa tremenda malattia che si è portata via, in giovane età, le sue due sorelle, morte a 9 mesi l'una dall'altra. Segue un periodo frenetico fatto di ricoveri, interventi, terapie ma anche di intere giornate in ufficio, riunioni estenuanti e bilanci da fare. Loretta comincia a riflettere e, aiutata della sua oncologa, la Dott.ssa Marcella Gulisano, decide di cambiare vita: abbandona l'azienda e sale in bici. Da questo momento inizia la sua seconda vita sempre in sella ed è forse la Loretta ciclista che vale la pena raccontare. E' il 2008 quando Loretta sale in sella, da allora non smette più di pedalare, chilometro dopo chilometro entra nel mondo randonnée: né forte né piano ma lontano.
Porta a termine sfide incredibili come la Parigi- Brest- Parigi (1.200 km con 12.000 metri di dislivello) in 78 ore oppure la Pinerolo- Barcellona – Pinerolo (1.600 km con 20.000 metri di dislivello) in 145 ore. Nel 2017 scala 56 volte il Monte Grappa, cima magica che lei chiama "la mia montagna." Nel 2018 conquista Capo Nord, 4.200 km in venti giorni: una soddisfazione incredibile che le dà la carica per continuare a pedalare.
In sella, Loretta, riassapora il piacere di stare a contatto con la natura e la sua spiritualità, allontana i cattivi pensieri e sogna il suo futuro.
Il 23 aprile 2019 parte per il giro delle Repubbliche Marinare, un meraviglioso percorso di 2.300 km con 20.000 mt di dislivello che toccherà Venezia, Genova, Pisa e Amalfi.
Dieci giorni in giro per l'Italia con il compagno di avventure Giorgio Murari in totale autonomia, senza nessun tipo di supporto.
Il 3 agosto dello stesso anno affronta un giro incredibile alla volta di Tarifa, piccola cittadina all'estremo sud della Spagna: 3.000 km con 28.000 mt di dislivello.
Una vera forza della natura, una donna con una determinazione rara intenzionata a fare del bene a sé stessa ma soprattutto agli altri: da sempre dedica le sue imprese e le sue fatiche al reparto di Oncologia dell'Ospedale di Vicenza e agli "Amici del Quinto Piano" di cui diventa testimonial e sostenitrice!

Il libro
Loretta e Giorgio Murari, suo fidato compagno di pedalate, avevano programmato un altro itinerario per l'estate 2020 ma la pandemia ha sconvolto tutti i loro piani e decidono di rendere omaggio al Bel Paese attraversandone tutto il perimetro.
"Dietro ad ogni problema c'è un'opportunità": questo lo spirito con cui Loretta e Giorgio hanno deciso di reinventare il loro viaggio e trasformare l'avventura in un forte abbraccio simbolico all'Italia.
"Abbracciamo l'Italia" così hanno definito il progetto che li ha visti protagonisti in sella: un percorso di 7.000 km, con un dislivello di 70.00 metri da affrontare in 40 giorni, in totale autonomia, da nord a sud, isole comprese. Un racconto da leggere tutto d'un fiato che spazia dalla incredibile storia della protagonista al diario di viaggio giorno per giorno attraverso l'Italia, nei mesi del Covid: la cronaca giornaliera, gli incontri casuali e quelli organizzati con altre associazioni che si occupano di sostegno ai malati di tumore.
L'autore Gianni Nizzero, ex caporedattore di un quotidiano e corrispondente Rai, racconta magistralmente questa avventura con curiosi aneddoti e tanto materiale fotografico e con quella passione che solo un ciclista come lui poteva far emergere.
Davide Cassani, ct della nazionale ciclismo firma la prefazione e scrive: "Per me la vita è una scelta dopo l'altra. E io scelgo di fare Squadra con chi sta combattendo una battaglia difficile, dura e anche ingiusta. Contro una malattia che vorremmo non esistesse per nessuno." Altri sportivi famosi come Pippo Pozzato e Alberto Tomba dedicano parole di profonda stima per Loretta ciclista e donna.

L'obiettivo
"Pedalando ho imparato ad affrontare la malattia e a dedicarmi alle persone che vivono la mia stessa situazione" racconta "lotto per me e per gli altri"; Loretta infatti da anni sostiene, con le raccolte fondi abbinate alle sue imprese, gli Amici del Quinto Piano: un gruppo di volontari con l'obiettivo di sostenere i malati oncologici, gli ex malati e i loro familiari attraverso il coinvolgimento degli stessi in attività legate alla cultura, al benessere, all'alimentazione e alla promozione dei diritti del malato.
La vendita di questo libro avrà uno scopo molto nobile ed ambizioso: supportare "SPES - Servizio Psicologico Empatico Solidale" un ambulatorio nato per dare sostegno psicologico al paziente oncologico e alla famiglia che in due anni di attività ha seguito 160 pazienti. Durante questa emergenza il paziente oncologico ha dovuto affrontare un ulteriore disagio causato dalla paura di entrare in contatto con il Covid 19 rischiando quindi di compromettere ulteriormente le difese immunitarie, la richiesta di un supporto psicologico è aumentata notevolmente: ecco quindi la necessità di aumentare in termini di ore il servizio offerto ai pazienti. Tutto il ricavato della vendita del libro servirà proprio a supportare le nuove esigenze dell'ambulatorio diretto dalla Dott.ssa Paola Onestini in collaborazione con il personale medico e infermieristico dell'Unità Operativa di Oncologia.

Per acquistare il libro www.amicidelquintopiano.it

Redazione

Dall'Emilia alla Lombardia: un giro di documenti automobilistici falsi

E-mail Stampa PDF

Polizia metropolitana BolognaAttività svolta dalla Polizia Locale della Città metropolitana di Bologna con la collaborazione dei colleghi lombardi

E' durata oltre un anno l'indagine del Nucleo Ambientale della Polizia Locale della Città metropolitana di Bologna che – prima in Emilia poi in Lombardia - ha permesso di scoprire gli autori di numerosi falsi documentali, elaborati ed utilizzati nel Nord Italia, con la collaborazione dei colleghi della Polizia Locale dei Comuni di Milano e di Trezzano sul Naviglio (MI).

L'attività investigativa ha portato nei giorni scorsi alla conclusione delle indagini preliminari a carico di un'impiegata e un responsabile di una società di Trezzano sul Naviglio che produceva documenti falsi – su carta intestata della Polizia locale ignara della procedura – per facilitare la cancellazione dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico) di veicoli fuori uso ma ancora soggetti al vincolo del fermo amministrativo. Questo permetteva di evitare i controlli sui mezzi e consentire demolizioni e rottamazioni, altrimenti non possibili.

La procedura, architettata con ingegno, consentiva di eludere l'intervento degli uomini in divisa per gli opportuni controlli dei mezzi, accellerando notevolmente i tempi, fattore non secondario nel momento attuale, visti soprattutto gli ecoincentivi statali, nei casi della cosidetta "rottamazione".

Le indagini sono scaturite dalle verifiche cartacee presso un noto auto-demolitore bolognese, estraneo alla vicenda. Gli agenti del Nucleo Ambientale della Città metropolitana di Bologna, sotto la direzione della dott.ssa Michela Guidi, pubblico ministero della Procura della Repubblica, hanno poi esteso l'ambito territoriale delle verifiche a Milano e Trezzano sul Naviglio, con l'ispezione presso uno studio commercialistico e la perquisizione degli uffici di un'agenzia di pratiche auto trezzanese. Proprio a Trezzano sul Naviglio, durante la perquisizione, è stato rinvenuto e sequestrato un documento appena contraffatto e denunciate a piede libero due persone, poi indagate.

La perquisizione effettuata congiuntamente dalla Polizia Locale di Trezzano sul Naviglio e dalla Polizia Locale della Città metropolitana di Bologna, ha dato una svolta alle indagini. Interrotte le attività illecite, il vaglio della Procura di Bologna ha disposto il trasferimento dell'intero fascicolo presso l'Autorità Giudiziaria di Milano, per le seguenti tappe procedimentali.

Un plauso e un ringraziamento agli agenti è stato rivolto dai Sindaci delle due Città metropolitane di Bologna, Virginio Merola, e di Milano, Giuseppe Sala, nonché dal Sindaco del Comune di Trezzano sul Naviglio Fabio Bottero, i quali hanno sottolineato "l'importanza della collaborazione investigativa e la capacità di lavoro oltre i confini degli enti, al fine di raggiungere l'ottimo risultato finale di sventare l'attività criminosa".

"Un plauso agli uomini e alle donne della Polizia locale della Città metropolitana – aggiunge il consigliere delegato Raffaele Persiano - che svolgono sempre un lavoro lontano dai riflettori ma importantissimo per il nostro territorio e non solo".

Redazione

 

Ponte di Sasso Marconi, lavori fino a metà marzo poi si valuterà con Anas riapertura almeno parziale

E-mail Stampa PDF

Giunto ponteMonesi: "Consapevoli dei disagi per la zona ma viene prima la sicurezza delle persone.Chiusura necessaria per l'improvviso peggioramento della struttura"

I lavori sul ponte "Leonardo Da Vinci", sulla strada provinciale SP 325 "di Val Setta e Val di Bisenzio", in comune di Sasso Marconi – chiuso dalla scorsa settimana – termineranno il 13 marzo. Due giorni dopo è previsto il passaggio della struttura ad Anas con la quale si valuterà quindi la riapertura almeno parziale della struttura.

La chiusura totale al traffico si è resa necessaria a causa di un forte peggioramento delle condizioni della pila 15 del ponte sulla quale si stava lavorando da alcuni giorni con un intervento di ripristino e consolidamento.

Durante l'esecuzione dei lavori si è riscontrato un forte ammaloramento degli appoggi dell'impalcato sulla pila, tanto da provocare ampie lesioni visibili sulla carreggiata superiore, nonché un degrado dei calcestruzzi con scopertura delle armature metalliche nei traversi e nelle travi (foto in allegato).

I lavori di consolidamento erano stati finanziati con fondi della Città metropolitana (185.000 euro) data l'urgenza dell'intervento, che non era previsto a bilancio in quanto ANAS avrebbe dovuto prendere in carico il ponte lo scorso mese di ottobre. A causa della pandemia però il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti aveva rimandato a marzo la presa in consegna delle strade primarie delle Province e delle Città metropolitane. Il 15 marzo è infatti la data ufficiale di restituzione del ponte ad Anas.

"Siamo consapevoli dei forti disagi al traffico della zona provocati da questa chiusura – è il commento del Consigliere metropolitano con delega alla Viabilità Marco Monesi – ma la sicurezza delle persone viene prima di tutto. Speravamo che l'intervento si potesse fare chiudendo solo una carreggiata ma una volta avviati i lavori c'è stato un improvviso e imprevedibile peggioramento della struttura che ci ha costretti senza indugi a imporre la chiusura totale al transito dei veicoli."

Redazione

Discriminazioni, molestie e mobbing, la Città metropolitana approva Codice etico per la tutela

E-mail Stampa PDF

Bologna. Con atto del sindaco metropolitano è stato approvato il "Codice Etico in materia di prevenzione e contrasto delle discriminazioni, molestie e mobbing" su proposta del Comitato Unico di Garanzia istituito presso la Città metropolitana.

L'approvazione e la conseguente adozione del Codice rientrano tra gli obiettivi fissati e programmati nel Piano della Performance per l'anno 2021 e nel Piano delle Azioni positive 2021/2023.

Il Codice raccoglie i principi etici, i valori, le linee guida ed i criteri di comportamento che informano la cultura dell'Amministrazione e che devono ispirare ed orientare le condotte e i comportamenti di tutti coloro che operano all'interno dell'Ente, al di là del ruolo e del luogo della prestazione professionale.

Uno strumento di garanzia, diretto a prevenire e contrastare qualunque forma di molestia, di condotta vessatoria nell'ambiente di lavoro e di discriminazione diretta e indiretta basata sul sesso, nazionalità, origine etnica, caratteristiche genetiche, lingua, religione o credo, convinzioni personali o politiche, appartenenza ad una minoranza nazionale, disabilità, condizioni sociali o di salute, età e orientamento sessuale, e rappresenta, insieme al Codice di Comportamento, un intervento volto a realizzare un ambiente di lavoro sicuro, sereno e favorevole alle relazioni interpersonali, in cui sia perseguito il benessere lavorativo di tutte/i le/i dipendenti e la prevenzione dei rischi per la loro sicurezza e salute, ivi compresi i rischi collegati allo stress lavoro-correlato.

La Città metropolitana già da tempo ha istituito con atto del sindaco all'art. 21-bis del Regolamento di Organizzazione dell'Ente, la figura di un Consigliere di Fiducia.

Questa figura è deputata all'ascolto, alla gestione e all'assistenza di tutte le persone che, a qualunque titolo, lavorano all'interno delle strutture dell'Ente e che si ritengono vittime di molestie, mobbing, discriminazioni o conflittualità sul luogo di lavoro, in attuazione di quanto previsto dal Codice.

In particolare con l'adozione del Codice Etico, la Città metropolitana:

- esplicita i principi basilari di rispetto delle persone e promuove comportamenti che tutelino e valorizzino il benessere psico-fisico nell'ambiente di lavoro;

- garantisce a ogni dipendente e collaboratrice/collaboratore il diritto alla tutela da qualsiasi atto o comportamento oggetto del presente Codice;

- si impegna a contrastare e sanzionare ogni accertato episodio di discriminazione, molestia sessuale, violenza morale e/o psicologica, avvalendosi di procedure tempestive ed imparziali e ribadisce che chi agisce tali comportamenti vìola un preciso dovere d'ufficio e sarà, come tale, perseguito;

- definisce finalità, funzioni e ambiti di competenza della Rete dei Consiglieri di Fiducia, prevedendo percorsi di presa in carico e gestione delle situazioni conflittuali o di disagio relazionale;

- adotta ogni misura utile a favorire il rispetto reciproco dell'inviolabilità della persona e l'individuazione dei fattori che contribuiscono a realizzare un ambiente di lavoro esente da comportamenti discriminanti attraverso la formazione, l'informazione e la prevenzione;

- in collaborazione con il CUG, adotta ogni misura utile ad informare e formare i lavoratori circa l'individuazione dei fattori che contribuiscono a realizzare un ambiente di lavoro esente da comportamenti discriminanti, emarginanti, persecutori, denigratori ed offensivi.

- si impegna a promuovere il benessere organizzativo e ad eliminare cause organizzative e carenze di informazione che possano favorire l'insorgere di conflitti e disagio psicologico, determinando malessere derivante da disfunzioni relazionali o strutturali dell'organizzazione del lavoro.

Oltre ai dipendenti a prescindere dal ruolo e dalla funzione esercitata, i destinatari del codice sono i dipendenti di altre pubbliche amministrazioni in servizio presso la Città metropolitana di Bologna in posizione di comando, distacco o fuori ruolo e consulenti, collaboratori esterni a qualsiasi titolo, prestatori d'opera e/o professionisti, fornitori e terze parti, in forza di specifiche clausole presenti nei contratti.

"Questa Amministrazione – ha sottolineato il consigliere metropolitano delegato Giampiero Veronesi - intende quindi farsi promotrice di un'azione strutturale e strategica volta ad affermare l'area metropolitana come territorio socialmente responsabile, in cui le buone pratiche adottate o i percorsi intrapresi per la ricerca di strumenti che favoriscano la parità, le pari opportunità, l'equilibrio di opportunità per donne e uomini ed il contrasto alla discriminazione, devono poter essere volano per una sinergia generativa di azioni positive a livello metropolitano".

Redazione

"Tutte uguali contro la violenza di genere"

E-mail Stampa PDF

giovedì 3 dicembre un webinar di approfondimento sul contrasto alla violenza sulle donne con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre 2006, e ratificata dall'Italia con la Legge 18/2009) all'articolo 6 riconosce che le donne con disabilità sono soggette a discriminazione multipla (in quanto donne ed in quanto disabili).
Il webinar di giovedì 3 dicembre, Giornata Internazionale delle persone con Disabilità, vuole quindi essere un momento di approfondimento, confronto e riflessione, volto a promuovere una maggiore integrazione tra i soggetti che a vario titolo si occupano di queste tematiche.

L'iniziativa, promossa nell'ambito dei tavoli politici e tecnici metropolitani per il contrasto alla violenza di genere e la promozione delle pari opportunità, si pone l'obiettivo di sensibilizzare e informare le Istituzioni e le Associazioni del territorio, sul tema del contrasto alla violenza sulle donne con disabilità.

Il programma della giornata
ore 09.30 Apertura dei lavori: Mariaraffaella Ferri consigliera metropolitana con delega al contrasto alla violenza di genere
ore 09.45 Erika Ferranti sindaca del Comune di Bentivoglio con delega alle Politiche sociali, dell'istruzione, abitative, giovanili e Presidente del distretto Pianura est
ore 10 Presentazione dei dati del Report di monitoraggio dell'Accordo metropolitano donne vittime di violenza – anno 2019, Claudia Ceccarelli referente U.O Pari opportunità, Città metropolitana di Bologna
ore 10.10 Contro il sessismo e l'abilismo: l'età dei diritti delle donne con disabilità, Maria Giulia Bernardini Università di Ferrara
ore 10.30 Donne con disabilità e violenza di genere, Francesca Arcadu Gruppo Donne UILDM
ore 10.50 Presentazione di esperienze, Alessandro Mengoli Cooperativa Anima, Giovanna Casciola Mondo Donna, Valentina Fiordelmondo AIAS, Carmen La Rocca PerLeDonne Imola, Laura Saracino Casa delle donne
ore 11.10 Chiusura dei lavori: Mariaraffaella Ferri consigliera metropolitana con delega al contrasto alla violenza di generePer partecipare scrivere a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La partecipazione darà diritto a crediti formativi per gli iscritti all'Ordine degli Assistenti Sociali dell'Emilia Romagna; per il riconoscimento dei crediti, al momento dell'iscrizione, è necessario comunicare anche il proprio Codice Fiscale.

Questo il link per seguire l'incontro https://meet.google.com/ncu-jwby-ocv

Redazione

Camugnano. Mercoledì riapre la strada provinciale SP 43 "Badi-Rio Confini" chiusa per frana

E-mail Stampa PDF

lavori SP 43 5Riaprirà al traffico mercoledì 11 novembre la strada provinciale SP 43 "Badi -Rio Confini", nel territorio del Comune di Camugnano, chiusa al km 2+300 dal 27 novembre 2019 a causa di una frana che aveva ostruito completamente la carreggiata.

I lavori sono consistiti inizialmente nello sgombero dalla strada del materiale franato fra cui terra, massi e alberi. Successivamente è stata realizzata una scogliera in massi collocata nel lato monte per tutto il tratto interessato a protezione della scarpata. Si è provveduto poi all'installazione di una barriera paramassi lunga circa 40 metri a monte della strada e alla messa in sicurezza del lato a valle con l'installazione di una barriera di sicurezza (guard rail), infine è stato asfaltato il tratto di strada interessato.

"Finalmente riapriamo la strada – ha dichiarato il consigliere metropolitano con delega alla Viabilità Marco Monesi – anche grazie ai contributi regionali. Abbiamo fatto un lavoro complesso che ci permette di riaprire in sicurezza e che alla fine darà i risultati che tutti speriamo".

Redazione

Abbattuto dalla Polizia locale della Città metropolitana il giovane toro fuggito

E-mail Stampa PDF

TORORitrovato fra Bazzano e Crespellano il giovane toro fuggito  ieri da un allevamento di Castelfranco Emilia

Stava puntando verso il centro abitato di Bazzano il giovane toro di 400 kg fuggito qualche ora prima, da un allevamento di Castelfranco Emilia, durante le operazioni di scarico dal camion che lo aveva trasportato dalla Francia.

Avvistato da un guardiapesca volontario nei pressi del fiume Samoggia, l'animale è stato poi avvicinato tra Bazzano e Crespellano dagli agenti della Polizia locale della Città metropolitana di Bologna con la collaborazione di altre forze di polizia. Gli agenti, scartate altre possibilità, sono stati costretti ad abbattere l'animale per evitare pericoli per la popolazione viste le condizioni di alterazione del bovino.

Redazione

Adgressione autista bus, Aldo Cosenza (Fit Cisl):Più Protezione aziendale, più Polizia

E-mail Stampa PDF

"Quello avvenuto due giorni fa a Bologna è solo l'ennesimo e inaccettabile atto di violenza che si è verificato ai danni dei lavoratori e dei viaggiatori del TPL dell'Emilia Romagna.
Da tempo denunciamo le forti criticità sugli autobus, sui treni e nelle stazioni, dove il personale è lasciato solo ad affrontare situazioni altamente rischiose, senza che vi sia il supporto necessario né da parte sia delle Aziende di trasporto né delle Istituzioni.
E' sempre più evidente come le misure finora adottate per garantire la sicurezza di utenti e lavoratori siano del tutto insufficienti, ed ancora una volta siamo costretti a ribadire la necessità di un intervento deciso da parte di tutti gli attori coinvolti. Una presa di posizione netta che nelle stazioni e sui mezzi di trasporto, una volta per tutte, vada a rafforzare sia la presenza della Protezione aziendale sia della Polizia".

E' quanto ha dichiarato Aldo Cosenza, segretario generale Fit Cisl Emilia-Romagna, nel commentare la grave aggressione avvenuta nel primo pomeriggio di ieri, in viale Togliatti a Bologna, ai danni di un autista di autobus della linea 19. Autori del fattaccio due giovanissimi. Il conducente li ha rimproverati perché stavano fumando a bordo del bus ed erano senza mascherina e i due lo hanno pestato con calci e pugni mandandolo al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore.

Redazione

Appennino. Maltempo, riaperta la strada provinciale SP 632 “Traversa di Pracchia”

E-mail Stampa PDF

riaperturaSP632È riaperta dalla serata di sabato la strada provinciale SP 632 "Traversa di Pracchia" chiusa a causa del maltempo dei giorni scorsi.
Sono stati rimossi i detriti che ostruivano il passaggio ed accumulati a lato della strada in attesa di essere smaltiti (FOTO).
Stanno inoltre proseguendo in queste ore i lavori di rifinitura in alcuni fossi e tombini che erano stati completamente ostruiti.

Redazione

Pagina 1 di 23